Philodendron Monkey Mask: il filodendro di dimensioni ridotte

0
Philodendron Monkey Mask

Negli ultimi periodi quando si parla di piante d’appartamento, molti si fanno sedurre da arbusti con meravigliose foglie giganti bucherellate come quelle del filodendro monstera deliciosa. Si tratta però di un pianta ingombrante che richiede molto spazio e può risultare poco pratica. Esistono però tante specie di filodendro tra cui alcune di dimensioni più contenute. Uno degli esempi migliori è il Philodendron Monkey Mask che andiamo ora a scoprire meglio.

Philodendron Monkey Mask in generale

La monstera adansonii è nota appunto anche con il nome di monkey mask oppure smiss chesee vine per le sue foglie forate. Fa parte del genere delle Araceae. È una sempreverde rampicante con foglie ovali più piccole rispetto ad altre varietà. La superfice è verde brillante, un po’ lucida, ruvida. La particolarità delle foglie di questo vegetale riguarda la presenza di fori e buchi sull’intera superfice.

Come prendersi cura del filodendro Monkey Mask

La monstera Monkey Mask è una pianta abbastanza adattabile che vive bene in appartamento. È di origine tropicale perciò vuole cure di conseguenza. Deve essere posizionata in una stanza ben illuminata, ma sempre al riparo dai raggi diretti del sole. La luce che filtra da una tenda va benissimo. In inverno, va tenuta distante dal calorifero e in estate distante dal condizionatore d’aria. Preferisce una temperatura stabile attorno ai classici 20° C e la colonnina di mercurio non dovrebbe mai scendere al di sotto dei 10° C.

Avendo un portamento ricadente, è possibile tenerla in alto e far cadere le foglie verso il basso. In alternativa, si può sistemare un supporto al centro del vaso affinché i rami si arrampichino. Si possono notare dei piccoli peduncoli tra i rami che servono alla pianta proprio per arrampicarsi e salire in alto.

Annaffiatura e nebulizzazione

Essendo una pianta di origine tropicale, è ovvio che ama l’umidità. Per tale motivo, il terriccio nel vaso andrebbe sempre tenuto umido e ricco di materiale drenante. Attenzione che è differente da inzuppato! Non bisogna mai esagerare con la quantità di acqua. Casomai, il tutto sta nel rendere le irrigazioni più frequenti e assidue nel corso della settimana, anche una volta ogni 4 giorni nei periodi più caldi o negli ambienti più secchi.

Il Philodendron Monkey Mask può vivere bene anche in un bagno ben illuminato dove la quantità di vapore acqueo è consistente. Per garantire il corretto tasso di umidità è altresì possibile intervenire di tanto in tanto con un nebulizzatore. Si può dare una spruzzata ogni tanto che riproduce la rigida presente nel suo habitat di provenienza. Le foglie andrebbero spruzzate regolarmente. L’ideale per tutte le piante appartenenti al genere filodendro sarebbe pulirle dalla polvere che naturalmente si deposita con una panno umido anche una volta al mese.

CONDIVIDI