Orto verticale: come coltivare le tue verdure sul balcone

0
orto verticale

Negli ultimi anni sempre più persone hanno iniziato ad appassionarsi all’autoproduzione di verdura. È davvero l’unico sistema che esiste per avere la certezza di portare in tavola ortaggi a kilometro zero coltivati senza uso di pesticidi. Purtroppo, al supermercato c’è scritto “verdura biologica” ma in realtà di bio c’è davvero poco, iniziando dal trasporto. Inoltre, coltivare un orto consente di stare all’aria aperta, riscoprire il valore del lavoro manuale, intrattenere i più piccoli. Tuttavia, non tutti hanno la fortuna di avere lo spazio in giardino per coltivare un orto o addirittura il giardino. Esiste però una soluzione alternativa che si chiama orto verticale. Si tratta della possibilità di coltivare verdura, ortaggi, piante aromatiche sul balcone o sul terrazzo di casa. Vediamo come si fa e alcuni consigli utili.

Come realizzare un orto verticale

Ci sono tante soluzioni per coltivare un orto verticale sul balcone anche se lo spaio a disposizione è poco. in commercio si possono trovare dei contenitori già predisposti. Esistono però anche altri modi per realizzare un orto verticale da sé. Alcuni hanno usato un bancale, un pallet per il trasporto delle merci messo in verticale. Basta un po’ di lavoro in più per avere lo spazio adatto; occorre prendere delle assi e chiudere gli spazi per creare dei contenitori dove mettere la terra o i vasi.

A proposito di vasi, si possono usare anche delle semplici mensole e vasi di diverse grandezze per coltivare un orto verticale. Altri usano dei sostegni per vasi messi in verticale sul balcone per ottenere il risultato desiderato. Insomma, ci sono tante soluzioni diverse per sfruttare lo spazio del balcone per coltivare ortaggi ed erbe aromatiche.

Consigli per coltivare l’orto sul balcone

Quando si tratta di coltivare un orto verticale, ci son alcune cose importanti da sapere. Per iniziare, non tutte le verdure possono esser coltivate in questo modo. Bisogna selezionare vegetali che crescono bene anche in poco spazio e che non hanno bisogno di grandi superfici. Per tale motivo, le zucchine sono da escludere. I pomodorini sono abbastanza adatti ma bisogna preferire tipologie con piccoli frutti. Di solito, si scelgono i pomodorini datterini o ciliegina che sono abbastanza produttivi di loro, si possono anche lasciare cadere oppure legare la pianta su un graticcio. Biete da taglio, insalate, radicchi, rucola e altre verdure a foglia sono molto indicate. I fagiolini sono un’altra opzione. Sì anche a tutte le erbe aromatiche.

Il terreno per le verdure coltivate sul balcone in vaso deve essere molto ricco perché le radici della piante non possono svilupparsi molto alla ricerca di quello che serve alla pianta. Bisogna quindi mescolare materiale organico nel terreno e poi procedere con una buona concimazione, soprattutto a veloce rilascio dopo la messa a dimora delle piante.

CONDIVIDI