Biete da taglio: è arrivato il momento di seminarle!

0
biete

Quando si parla di biete si può sentire anche il nome di erbette, bietole, biete da costa, biete da taglio, costa, coste d’argento. Sono tutti sinonimi per indicare uno dei vegetali più amati e coltivati in assoluto nell’orto domestico. Sono facili da coltivare e molto produttivi infatti continuano a produrre foglie per tutta la stagione. Con il mese di febbraio che inoltra, arriva il momento di pensare a quali verdure seminare e le biete da taglio non possono mancare! In questa breve guida, è possibile scoprire di più sulla coltivazione, semina e raccolta.

Seminare le biete

Le biete sono una verdura parente degli spinaci, infatti entrambi fanno parte della famiglia delle chenopodiacee, al pari della barbabietola. Le coste sono coltivate a ciclo annuale, da seminare già a metà febbraio se il clima lo permette oppure in serra. Dove fa freddo, si può seminare in vasetti o nel semenzaio, di cui abbiamo già parlato qui.

Coltivare le erbette

Per quanto riguarda la messa a dimora nell’orto domestico, le biete si possono mettere piuttosto vicine per evitare la crescita degli infestanti. Alcuni preferiscono metterle in fila mentre altri le mettono qua e là sporadiche a piedi di altri vegetali. Per limitare gli infestanti alcuni usano del tessuto no tessuto sul terreno. Tuttavia, il telo nero può attirare il sole e il Calore, meglio quindi provvedere con una pacciamatura di paglia o con un telo in juta. 40 cm tra le piante e sempre 40 tra le fine in genere è sufficiente.

Il terreno per le biete da taglio deve essere ben drenato e concimato con un prodotto che non abbia troppo azoto. Il pH del terreno dovrebbe esser alcalino. Il clima ideale per le biete è temperato, non troppo caldo altrimenti le foglie di afflosciano. Resistono a un freddo moderato, ma questo non vale per i germogli più giovani.

L’irrigazione va intensificata durante la stagione estiva quando arriva il caldo che le coste non amano particolarmente. L’acqua non va mai data sulle foglie e nelle ore più calde altrimenti le foglie si bruciano e possono comparire malattie fungine.

Raccogliere le biete

Di solito, per raccogliere le erbette ci vuole circa un mese dalla semina, ma la tempistica può dipendere dal tipologia. Come per tutte le verdure a foglia, non esiste la maturazione dato che si possono sempre prelevare delle foglie.

Per la raccolta, è necessario dotarsi di un coltello con sega. Si tagliano le foglie dalla base del cespo. Se si vuole continuare a cogliere erbette per tutta la stagione, meglio rimuovere solo quelle esterne e lasciare invece intatti i ricacci centrali più piccoli dando loro tempo di crescere ancora. Tra un raccolto e l’atro ci vuole un po’ di pazienza; anche 4 settimane, perciò si consiglia di raccogliere le foglie dai vari cespi a periodi alterni.

 

CONDIVIDI