Agapanto: la pianta perenne con un fiore dal colore blu

0
agapanto

L’agapanto è pianta molto diffusa per via delle sue bellissime infiorescenze. Si trova sia nei giardini che in vaso su balconi e terrazzi. È abbastanza facile coltivarla, soprattutto perché una pianta perenne che non quindi fiorisce ogni anno senza, o comunque con poche, cure necessaire. Per capire quali sono nel dettaglio, basta leggere questa breve guida per tutti coloro che ambiscono ad avere il pollice verde.

Caratteristiche generali dell’agapanto

L’agapanto è una pianta perenne caratterizzata da una radice rizomatosa. Il suo nome botanico è agapanthus e significa fiore dell’amore. Presenta grandi infiorescenze di colore blu / viola intenso, sebbene ci siano degli ibridi con colori e caratteristiche diverse.

Questi vegetali sono ampi, vigorosi e ricchi di infiorescenze che durano da primavera ad autunno. Sviluppano un cespo di foglie, sia caduche sia sempreverdi, un po’ carnose, lineari e arcuante verso il termine. Dal centro del ciuffo di foglie, si alza uno stelo molto spesso e alto dai 20 agli 80 cm con un’infiorescenza sferica o a ombrello con tanti fiori a campanula o trombetta.

L’agapanto è una pianta che si allarga molto perciò necessità di molto spazio in giardino per svilupparsi bene. Esistono però anche specie nane che sono più indicate per piccole aiuole o addirittura vasi per abbellire il balcone e il terrazzo.

Come coltivare l’agapanto

Ci sono delle leggere differenze di coltivazione tra un agapanto sempreverde e uno a foglia caduca. Il primo tipo ha foglie che perdurano per tuto l’inverno, mentre il secondo perde la parte aerea con i primi freddi. I rizomi possono quindi esser prelevati dal terreno, conservati al buio durante il riposo vegetativo. Tuttavia, entrambi i tipi soffrono il freddo rigido, motivo per cui chi non abita in una zona con inverni miti, spesso preferisce coltivarli in vaso. Per proteggerli dal freddo si può usare anche dell’agritessuto o fare una pacciamatura.

Chi coltiva questo vegetale in vaso, si assicuri che sia ben capiente per dare spazio al rizoma e al ciuffo di folgie. Meglio usare terriccio soffice, drenato e fertile, evitando i soliti ristagni idrici che non fanno bene a nessuna pianta.

L’esposizione ideale

La pianta vuole essere esposta al sole per almeno un paio di ore al giorno, seppur non nelle ore centrali della giornata. Chi sistema le piante in giardino, meglio che scelga un luogo riparato delle forti correnti d’aria che potrebbero spezzare i lunghi steli che portano le preziose infiorescenze, la parte più spettacolare. L’esposizione ideale è sud o sud-est per ricevere sole al mattino ed esser riparati nel pomeriggio.

Propagare e moltiplicare l’agapanto

Essendo specie rizomatose perenni, la moltiplicazione avviene tramite divisone della parte radicale. Basta dividere delicatamente con le mani il cespo di foglie per avere nuove piante di agapanto per il giardino.

CONDIVIDI