Perché dovresti parcheggiare la tua auto al coperto e come sopperire all’assenza del garage

0

Tutti sono affezionati alla propria auto, sia che si tratti di una fuoriserie o di una semplice utilitaria. Non è solo un mezzo di trasporto utile, ma uno spazio da molti considerato “neutrale”, in cui si passa del tempo da soli e ci si “rilassa” pensando, cantando, parlando ad alta voce mentre si guida.

Si ha quindi naturalmente cura del proprio mezzo (anche per il valore economico speso in fase d’acquisto), senza contare il fatto che occorre quanto più possibile adottare tutta una serie di comportamenti e attenzioni con il fine di minimizzare le spese di manutenzione e rendere sicuro il proprio mezzo.

Ecco perché la maggior parte delle persone cerca di comprare una casa con un garage o di organizzarsi per custodirla al coperto. Ma vediamo nel dettaglio quanto può fare la differenza avere l’auto al coperto rispetto ad averla all’aperto.

L’auto al sicuro dalle intemperie

Negli ultimi anni il cambiamento climatico ci ha messi di fronte a forti piogge e a grandinate sempre più frequenti ed aggressive. D’altra parte anche le temperature estive sono a dir poco infuocate. Avere l’auto al riparo da intemperie e dal sole, quindi, è diventata una necessità anche per evitare i costi dei carrozzieri, sempre molto elevati.

La carrozzeria, in primis, risente i danni della sosta all’aria aperta: tende a diventare rapidamente opaca alla luce; per non parlare dei danni evidenti che può arrecare la grandine a carrozzeria e cristalli, anche se di diametro non eccessivo.

La luce del sole ed il calore che subisce un’auto lasciata all’aria aperta tante ore al giorno incidono, oltre che sulla carrozzeria, anche sugli interni, nello specifico sulle plastiche e sui tessuti di copertura dei sedili.

Auto al sicuro da furti e danni accidentali

Il garage o le tensostrutture, oltre a riparare dagli agenti atmosferici, sono elementi che statisticamente tendono a disincentivare il furto delle auto.

Queste, infatti, non “fanno gola” ai ladri e comunque aumentano il livello di difficoltà di portare a termine il colpo, visto che i mezzi sono meno accessibili e che è sicuramente difficile accedere ed uscire passando inosservati. Lo stesso si può dire per gli atti di vandalismo: è molto più difficile che riguardino auto al coperto.

Mettere al sicuro il proprio veicolo al coperto consente anche di tenerlo al riparo dai danni cosiddetti accidentali, tipici del parcheggio in strada o dei parcheggi condivisi. Quante volte si trovano graffi o botte sulle portiere? Si tratta di danni frequenti e indipendenti dalla nostra volontà o dal nostro grado di attenzione.

Le tensostrutture: la soluzione per chi non ha garage

Se non hai a disposizione il garage è comunque possibile, al giorno d’oggi, organizzarsi diversamente per poter custodire l’auto al riparo con altrettanta efficacia. La soluzione più diffusa e più economica rispetto a un garage è rappresentata dalle tensostrutture per auto, articoli oggi gettonatissimi e per questo disponibili in molte versioni differenti.

Sono strutture applicabili in spazi ridotti, che non richiedono lavori edili particolari né autorizzazioni, sotto certe dimensioni, e possono essere sia fisse che mobili (altro vantaggio innegabile).

Per via delle diverse possibilità disponibili sul mercato, la scelta non è sempre facile. Ciò che conta, in tutti i casi, è comprare un prodotto valido e di qualità che possa essere paragonabile ad un garage.

Un buon prodotto saprà infatti riparare l’automobile da eventi climatici avversi e tenerla lontana da occhi e mani indiscrete. Come se non bastasse una protezione di questo tipo è quello che ci vuole anche per depositare l’auto in caso di lunghe assenze.

CONDIVIDI