Tillandsia: la pianta senza terra perfetta per decorare e purificare la casa

Tillandsia

Chiamata anche pianta senza terra, la Tillandsia è perfetta per decorare casa senza sporcare perchè si tratta di una varietà molto particolare, le cui radici sono aeree. Questo significa che la Tillandsia (o almeno la maggior parte delle specie) è molto più versatile rispetto ad altre piante e regala delle soddisfazioni non indifferenti. Vanta una fioritura molto decorativa e necessita di pochissime cure: non la si deve nemmeno annaffiare perchè trae il nutrimento in modo completamente diverso dalle altre piante.

Scopriamo però più da vicino quali sono le caratteristiche di questa bellissima spianta e come prendercene cura per ottenere una bella fioritura.

Tillandsia: caratteristiche della pianta

La Tillandsia è una pianta che appartiene alla famiglia delle Bromeliacee ed è originaria del Nord America. La specie che vedete nella fotografia è la Tillandsia cyanea, che produce dei bellissimi fiori, di grandi dimensioni in proporzione, di colore fucsia e raggiunge un’altezza massima di 50 cm. Questa è la varietà più diffusa in Italia, spesso regalata proprio per via delle sue funzioni decorative. Gli aspetti curiosi di questa pianta però sono diversi e vale la pena approfondirli.

Le radici aeree della Tillandsia: la pianta senza terra

Una particolarità della Tillandsia riguarda proprio le sue radici, che hanno l’unica funzione di ancoraggio della pianta. Il nutrimento infatti viene ricavato mediante le foglie. Queste presentano infatti delle particolari strutture chiamate tricomi, che quando la Tillandsia necessita di acqua si aprono per assorbire l’umidità presente nell’aria. Quando invece la pianta non ha bisogno di nutrimento, si chiudono in modo da impedire all’umidità di evaporare.

Tillandsia: la pianta che purifica l’aria di casa

Proprio per via del fatto che è trae il nutrimento assorbendo le particelle presenti nell’aria, la Tillandsia è una pianta utilissima in casa perchè, come il tronchetto della felicità, purifica l’atmosfera rendendola più salutare. Oltre all’umidità infatti assorbe anchele particelle inquinanti presenti nell’aria: un’ottima alleata quindi in casa.

Dracena: il tronchetto della felicità purifica l’aria ed è facile da coltivare

Questa è dunque una fantastica pianta da appartamento, perchè vanta caratteristiche davvero speciali.

Come prendersi cura della Tillandsia

Prendersi cura di questa bellissima pianta è davvero semplice, perchè la Tillandsia è in grado di autoregolarsi e dunque non dobbiamo preoccuparci noi di fornirle acqua e nutrimento. Grazie ai tricomi presenti sulle sue foglie, riesce a sopravvivere in completa autonomia e non occorre naturalmente interrarla. Gli unici aspetti che meritano una certa attenzione sono la temperatura ed il grado di umidità presenti nell’ambiente. Se infatti l’aria dovesse essere troppo secca, per la Tillandsia sarebbe un vero problema perchè non riuscirebbe a trarre il nutrimento che le serve.

Per questo motivo, è consigliabile portarla sul balcone o in giardino quando le temperature esterne iniziano ad essere stabili sopra ai 15° C. In tal modo la pianta riesce ad assorbire maggiori quantità di umidità e di acqua.

Nel periodo invernale, quando la si tiene invece in casa, conviene nebulizzare l’acqua sulle sue foglie in modo da garantire alla pianta il giusto grado di umidità anche se l’ambiente è piuttosto secco per via del riscaldamento.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *